Poesie

Novanta Ma Non Li Dimostra

Nel millenovecentoventisette,

la Lazio navigava in campionato,

della Roma, nel calcio nessun dato,

i romani giocavano a tressette.

 

A un certo Foschi, abbruzzese nato,

fondò la Roma per il campionato,

nacque la squadra che osteggiò la Lazio,

glorioso fù il suo stadio, lì a Testaccio.

 

Ferraris, Masetti e Bernardini,

han dato lustro a questi primi anni,

la Roma ancora in età minore,

vinceva lo scudetto tricolore.

 

Il colore sociale, il giallorosso,

indica il sole caldo e il cuore rosso,

la squadra fù seguita con successo,

nei primi passi del suo nuovo corso.

 

Ebbe inizio, nel primo dopoguerra,

un periodo buio per i lupi,

fù retrocessa, e furn tempi cupi,

con Gipo Viani ritornò la primavera.

 

Passato qualche anno burrascoso,

con Viola presidente di successo,

Liedholm, guidò i lupi nel percorso,

del secondo scudetto giallorosso.

 

Un occasione che non fù sfruttata,

fu la sconfitta in coppa dei campioni,

ai rigori perdemmo la partita,

ancora la rimpiangono i romani.

 

Capello portò a Roma lo scudetto,

il terzo della storia giallorossa,

Montella la guidò nella riscossa

con Totti un campione appena fatto.

 

In coppa Italia, sono i più vincenti,

con Viola e Sensi grandi presidenti,

con Totti capitano, e con Spalletti,

persero con onor scudetti vinti.

 

Photo: Wikipedia