Quando creò il mondo il Padreterno,
L’uomo, lo volle rendere immortale,
Per dare vita a questo suo disegno,
Si mise alla ricerca d’ogni male.

Tutti quei mali esistenti al mondo,
Li catturò chiudendoli in un vaso,
La speranza passava lì per caso.
E ne restò coinvolta suo malgrado.

Rannicchiata nel fondo di quel vaso,
La speranza dai mali era bandita,
Per via di quell’animo diverso,
Di chi possiede il senso della vita.

Dio, soddisfatto del lavoro svolto,
Chiamò Pandora a custodire il vaso,
Dette alla dea un ordine preciso,
“Se apri il vaso, il mondo andrà perduto.”

All’ordine di Dio non dette peso,
Vinse la sua viltà aprendo il vaso,
Fuggiron tutti i mali a perdifiato,
Ma la speranza non sfrutto il momento.

Accortasi del guaio appena fatto,
La dea cercò di ricacciarli dentro,
Fù tentativo inutile e maldestro,
La speranza fuggì nel cielo aperto.

La notizia sconvolse il padreterno,
Quando venne a sapere di quel danno,
S’adirò molto,ci rimase male.
“Da oggi, l’uomo non è più immortale”.

 

Photo: Biografieonline.it