Da quando ho scritto l’ultima poesia,
sono trascorsi dieci lunghi anni,
vissuti fra incoscienza e fantasia,
amato e coccolato dai suoi nonni.

L’adolescenza cresce e prende posto,
la vita già vissuta è un bel racconto,
hai superato e vinto vari affanni,
adesso vivi i tuoi migliori anni.

I giochi che t’han fatto compagnia,
peluche, casette in Lego poi trenini,
che t hanno dato gioie ed emozioni,
dalla tua mente son fuggiti via.

Ora sei un giovane maturo,
sei piccolo d’età, non di cervello,
che t’ha insegnato sempre a tener duro,
se la vita ti pianta sul più bello.

Sei buono, rispettoso e generoso,
il meglio che si vuole per un figlio,
ogni azione la sfrutti dando il meglio,
ti si prospetta un avvenir radioso.

Fra tante qualità che tu possiedi,
lo studio e sport sono i tuoi obiettivi,
Che sapranno donarti ciò che chiedi,
ma tu queste emozioni già le vivi.

La gioventù che vai ad incontrare,
ti chiederà cosa farai in futuro,
forse diventerai programmatore,
il computer sarà il tuo lavoro.

Se la fortuna poi ti da una mano,
e dopo una sconfitta ti sorride,
diventi tu padrone del destino,
dicono i nonni “Sta pensando in grande”.

 

Photo by Taylor Nicole on Unsplash